La “profezia” di Enzo Boschi sul deposito delle scorie nucleari. Berlusconi aveva ragione?

Silenzio assoluto di governo e Sogin sulle famose “consultazioni pubbliche” e la pubblicazione della carta nazionale delle aree idonee (CNAPI)

Il 27 novembre 2003 il presidente dell’INGV1 Enzo Boschi dichiarò al “Corriere della Sera” che se non si fosse costruito a Scanzano Jonico, il deposito geologico2 non si sarebbe fatto più da nessun’altra parte. Così è stato. Anzi, anche il deposito superficiale  – quello su cui si discute oggi – sembra un progetto rimasto soltanto sulla carta.

Erano i giorni caldi delle proteste e della mobilitazione dei cittadini e delle istituzioni locali contro il decreto del governo Berlusconi che decideva di sistemare le scorie nucleari italiane in Basilicata.

In molti definiscono “disastrosa” la scelta del governo di allora perché – si dice – evitò di coinvolgere le popolazioni interessate. Tuttavia Berlusconi, contrariamente a tutti i governi precedenti e successivi, tentò per la prima (e unica) volta di affrontare il problema dei rifiuti radioattivi italiani e dello smantellamento delle centrali (che stanno tutte ancora lì). I fatti ci dicono che, come recita lo spot Sogin, “sullo smaltimento dei rifiuti radioattivi non siamo andati avanti!”.

Sarebbe cambiato qualcosa se fossero stati preventivamente informati sindaci, assessori, politici, amministratori, giornalisti, opinionisti, sindacalisti e sensali vari? Probabilmente no. Lo abbiamo visto in questi ultimi mesi. Il tentativo di coinvolgere tutti i soggetti potenzialmente interessati si è subito arenato non appena qualche coraggioso uomo politico, ben informato, ha rivelato l’esistenza di trattative sotterranee per la scelta (e l’esclusione) delle aree e che quindi in realtà i giochi erano sostanzialmente fatti.

Non è bastato l’impulso dato dall’amministratore delegato di Sogin (dimissionario) Riccardo Casale, che ha cercato in ogni modo di scuotere la società e le istituzioni. Con Casale la Sogin ha cercato di puntare su trasparenza e informazione, dopo anni di scandali e sprechi. Sforzo apprezzabile, ma non sono mancati momenti di tensione con il Presidente Giuseppe Zollino

Non sono bastate nemmeno le provocazioni dell’ex AD volte a sollecitare il governo e la politica a rimettere in moto i processi decisionali. Casale ha centrato il problema quando disse alle Commissioni parlamentari che i ritardi nelle operazioni di smantellamento delle centrali sono dovuti alla “mentalità da esercente di centrali nucleari” del personale di Sogin, che avrebbe interesse ad eseguire con calma le operazioni per non perdere ruolo e lavoro. Anche questi possono essere considerati “corpi intermedi”!!

Il professor Boschi rimane critico, giustamente, su come è stata  impostata la questione del deposito nazionale. “Sono stati buttati – dice – 3,2 milioni di euro per pubblicizzare una cosa che non esiste. Sono soldi che abbiamo pagato con le bollette Enel”.

L’ex presidente dell’INGV sostiene che i sottosegretari allo Sviluppo Economico Vicari e De Vincenti “dovrebbero andare a casa, accompagnati dai vertici Sogin”. Il primo dichiarò che alcuni comuni del nord Italia si stavano già attrezzando per ospitare il deposito, mentre il secondo rassicurò sul fatto che ci sarebbero state autocandidature per l’ “attrattiva del pacchetto”.

Pier Paolo Palozzi 

______________________

[1] Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia;

[2] Un deposito in strati geologici profondi è un deposito nel sottosuolo geologico che può essere chiuso se è assicurata la protezione duratura dell’uomo e dell’ambiente per mezzo di barriere passive. In particolare quella di Scanzano Jonico (Matera) è una formazione profonda di salgemma e argilla;

ARTICOLI CORRELATI 

Scorie nucleari: 3,2 milioni di euro per dire che la Sogin non ha fatto niente

Deposito scorie nucleari, Mauro Pili:”Grande imbroglio di Sogin. Sardegna già individuata”

Latina, veleno nell’acqua intorno alla centrale nucleare spenta

Deposito scorie, Cappellacci (FI) denuncia: “Silenzio assordante, altro che trasparenza e partecipazione” 

Sardegna. Cappellacci: mai qui scorie radioattive

Forse in Sardegna le scorie radioattive, ed è già rivolta

L’ex governatore della Sardegna avverte Renzi: “Pronti a respingere le scorie nucleari”

Caos nucleare: Sogin, Casale scrive al Governo per dimettersi e accusa il presidente Zollino

Sogin – Un robot decontaminerà la centrale nucleare del Garigliano 

Scorie, trasferito in Francia il combustibile irraggiato ancora presente nella centrale nucleare “Enrico Fermi”

Deposito scorie – prorogato al 15 gennaio 2016 il bando di concorso “Officina Futuro” per il Parco Tecnologico

Scorie, Bratti (PD) interviene sul deposito: “Renzi deve rispettare la legge”

Sogin. Uno strappo che nasce da lontano

Nucleare. Le scorie vanno in Francia, ma torneranno

Sogin. Al via il concorso per il parco tecnologico

Deposito scorie, l’ISPRA ha consegnato l’aggiornamento sulla proposta della Sogin di CNAPI

Deposito nazionale scorie radioattive, parte la campagna informativa della Sogin

Sogin. Verso un deposito nazionale per la sicurezza

Sogin e Carabinieri insieme per la messa in sicurezza delle sorgenti radioattive orfane 

Scorie nucleari, la Sogin proverà a convincerci 

Rifiuti radioattivi: inferno atomico?

Scorie “orfane” e un deposito che deve ancora nascere

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien