Gaeta / Porto, tre denunce ed un sequestro: ancora guai e un avviso di garanzia per Pasqualino Monti

Box di quindici metri adibito a ufficio, sequestrato nell’area portuale di Gaeta. Indagati a vario titolo per aver rilasciato un’autorizzazione ritenuta illegittima e per occupazione abusiva di suolo demaniale pubblico

GAETA – Tre denunce a piede libero per abuso di ufficio ed occupazione di suolo pubblico, commessi a vario titolo, sono state notificate nei giorni scorsi a scorsi a due membri dell’autorità portuale ed all’amministratore di un’agenzia marittima che opera sul porto di Gaeta.

Il commissario dell’autorità portuale di Civitavecchia Pasqualino Monti e l’ex dirigente degli uffici di Gaeta Francesco Spinosa sono stati tirati in ballo per un gabbiotto in lamiera impiantato nel porto.

Ad accorgersene la Capitaneria di Porto di Gaeta che, nell’ambito dell’operazione “Porto Sicuro”, sta verificando i titoli concessori di assegnazione delle varie aree.

E’ la seconda struttura precaria ad uso ufficio che i guardia coste del comandante Alberto Meoli sottopongono a sequestro preventivo in pochi mesi.

L’operazione “porto sicuro” era partita dal sequestro di un carico di rottami di ferro di 4.500 tonnellate all’interno del quale furono scoperte 9 tonnellate di rifiuti. Successivamente le ipotesi di reato si sono allargate, fino alla richiesta di rinvio a giudizio da parte del pm Alfredo Mattei della Procura della Repubblica di Cassino, attualmente in discussione davanti al giudice per le indagini preliminari.

Un box di quindici metri adibito a ufficio, sequestrato nell’area portuale di Gaeta e le tre persone indagate a vario titolo per aver rilasciato un’autorizzazione ritenuta illegittima e per occupazione abusiva di suolo demaniale pubblico.

Queste le prime conclusioni dell’inchiesta condotta, come detto, dalla Capitaneria di Porto di Gaeta su impulso del sostituto procuratore presso la Procura della Repubblica di Cassino Alfredo Mattei, con conseguente sequestro autorizzato dal gip Lanna: a finire indagati, al momento, il commissario dell’Autorità Portuale Pasqualino Monti e il responsabile per l’Autorità Portuale Erasmo Spinosa oltre il titolare del box Luigi Lelli della società operante al porto Lellimar.

A difendere gli indagati gli avvocati Alfredo Zaza D’Aulisio, Vincenzo Macari e Andrea Miroli.

 

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Gaeta / Porto, tre denunce ed un sequestro: ancora guai e un avviso di garanzia per Pasqualino Monti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien