Caso Concordia – Povero Grasso, pure nel lavoro c’era chi, da esterno, contava più di lui (vedi strategie di comunicazione sulla Costa Concordia)

La Star Comunicazione in movimento regina di finanziamenti e consulenze. Pasqualino Monti si fidava solo dei consigli del giornalista Bruno Dardani. I festeggiamenti (nascosti) per la vittoria di Cozzolino e quella “brutta” telefonata di Zingaretti…

Le due bottiglie stappate sulla notizia della Concordia a Genova gridano vendetta come il suo: NON LA VOGLIOOO

CIVITAVECCHIA – Certo che per Massimiliano Grasso lavorare con un presidente che lo teneva e lo tiene in scarsa considerazione dal punto professionale e che lo ha scaricato dal punto di vista politico non deve essere affatto semplice.

La storia dell’elezione l’abbiamo raccontata in linea generale tutta, certo sarebbe stato bello raccontarvi di più, del ruolo di certi suoi amici ecc. ecc.

Oppure dei festeggiamenti per la vittoria del sindaco juventino Cozzolino (sms di Luca Lupi).

Della telefonata inquietante tra l’allora presidente Pasqualino Monti e il Governatore del Lazio Nicola Zingaretti.

Anzi, questa ve la vogliamo raccontare.

Giorgia, la segretaria del Presidente Zingaretti chiama Monti, è il 27 maggio del 2014, gli passa Nicola.

Cosa che ha dell’incredibile Zingaretti  chiede a  Monti informazioni sui candidati a sindaco che andranno al ballottaggio, Cozzolino del Movimento 5 Stelle e Tidei  del Partito Democratico.

Questa la dice lunga di come il Governatore del Partito Democratico si sia adoperato per aiutare un compagno di partito che, quando lui si candidò alla Regione Lazio, non fece mancare un contributo stimabile in migliaia di voti.

Pasqualino Monti prende la palla al balzo e dopo aver fatto capire che era finita l’epoca di Pietro commenta un’apparizione dello stesso a TRC Giornale.

HA AVUTO PAROLE CONTRO IL PORTO, DELLE ROBE… CIOE’ INENARRABILI”

I due si fanno delle grasse risate e il Governatore Zingaretti gli risponde:

QUANDO VUOI, VEDIAMOCI LA PROSSIMA SETTIMANA”

Ma la cosa che più colpisce e scandalizza è sempre la vicenda legata alla Costa Concordia.

Il vero consigliere sulla comunicazione è Bruno Dardani, noto ex giornalista de Il Sole 24 Ore che organizza eventi (sempre a caro prezzo).

Lui chiama Monti  e bussa a cassa quasi tutti i giorni ma quando c’è da risolvere un problema di comunicazione o di immagine è sempre pronto.

Proprio lui ci ha confermato ieri, raggiunto da noi telefonicamente, che è stato ed è consulente di Pasqualino Monti come lo è stato per i suoi predecessori quando c’è da affrontare temi delicati “sai i rapporti…”.

Adesso noi vi pubblichiamo una telefonata intercettata dai carabinieri del NOE e non vogliamo commentarla. Fatelo voi:

D (DARDANI): PRONTO?

M (MONTI): Sì BRUNO?

D: MI DAI TRE MINUTI? TI DEVO DIRE TRE COSE IMPORTANTI!

M: Sì DIMMI…

D: ALLORA LA PRIMA COSA, ASCOLTAMI BENE PERCHÉ EEEEÈ IMPORTANTE CHE TU MI ASCOLTI, PERCHÉ HO DELLE INFORMAZIONI, ALLORA LA PRIMA COSA BISOGNA USCIRE IN SETTIMANA CON UN COMUNICATO STAMPA DELL’AUTORITÀ PORTUALE SULLA CONCORDIA, CHE SIA MOLTO NEUTRO, DICENDO EEE SAREBBE UN’OCCASIONE IMPORTANTE EEE PERÒ BISOGNA ASSOLUTAMENTE DARE LA PREVALENZA AL FATTORE AMBIENTALE, CIOÈ CHE…

M: MA IO NON VOGLIO CHE VENGA A CIVITAVECCHIA BRUNO, IO NON VOGLIO, MA PERCHÉ DEVO  USCIRE…

D: SO PAROLE…

M: IO NON ESCO PROPRIO, IO NON LA VOGLIO, MA COME, STO A FA DE TUTTO PER NON PORTARLA, IO NON LA VOGLIOOO È SOLO UN PROBLEMA, NON LA VOGLIOOOOO!

D: E PERCHÉ… EEE MA IO TE LO DICO PERCHÉ TE LA SBATTONO LO STESSO INVECE, SE TE LO DICO..

M: E SE CE LA SBATTONO CE LA SBATTONO LORO, A ME NON ME NE FREGA UN CAZZO, IO NON PARLO PIÙ DI CONCORDIA IO NON LA VOGLIO.

D: OK! IO TI DEVO DARE L’INFORMAZIONE.

D: ALLORA PERÒ INTERVIENI PREVENTIVAMENTE SU UNA (INCOMPRENSIBILE) DI QUEL GENERE.

M: NOOOO STO ZITTO, STO ZITTO…STO ZITTO.

D: VABBÈ.

M: NON DICO NULLA PERCHÉ SE DICO UNAA COSA, MMM MMMM ME MENANO DA UNA PARTE PERCHÉ GIUSTAMENTE QUI CI SONO 300 METALMECCANICI, IO VOGLIO FARE IL BACINO DI CARENAGGIO PER NAVI CHE NON SONO NAVI AFFONDATE CHE SONO CARICHE E SONO UNA BOMBA, UNA BOMBA ECOLOGICA MA PER LE NAVI CHE SONO A FINE VITA

D: UNA STRABOMBA, NON UNA BOMBA..

M: ECCO! CHE SONO ARRIVATE A FINE VITA..

D: UNA STRABOMBA..

M: METTO IL MIO BEL BACINO VICINO GALLEGGIANTE E SI FA PER I METALMECCANICI, LO SVILUPPO LEGATO ALLA RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE, QUINDI QUELLA NAVE A FINE CORSA VIENE SMANTELLATA CON TUTTI I CRISMI E I CRITERI PREVISTI DALLA NORMA E QUANT’ALTRO, IO LA CONCORDIA NON LA VOGLIO A CIVITAVECCHIA, IO ERO… HO STAPPATO DUE BOTTIGLIE, L’ALTRO GIORNO HO DETTO PURE AD UNA GIORNALISTA MIA AMICA SOLO PERCHÉ ERA MIA AMICA EH? PERCHÉ ALTRIMENTI NON GLIELO AVREI DETTO CHIARAMENTE.

D: CERTO..

M: NON LA VOGLIO, BRUNO NON LA VOGLIO, SECONDO PUNTO..

Domani vi raccontiamo la telefonata con la sindacalista della FILT-CGIL, tale DONATELLA, dei loro discorsi, decisamente interessanti.

  • segue
Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Caso Concordia – Povero Grasso, pure nel lavoro c’era chi, da esterno, contava più di lui (vedi strategie di comunicazione sulla Costa Concordia)"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien