| NEL 2050 NEI MARI CI SARA’ PIU’ PLASTICA CHE PESCI

Una foto d'archivio (04 luglio 2006) mostra decine di bottiglie di plastica e palloni di gomma all'isola Tiberina a Roma. Il mondo oggi al capezzale dell' Ambiente. Nella giornata mondiale che si celebra ogni 5 giugno dal 1972, al via la corsa al risparmio per il diritto a vivere in un habitat sano, a casa e in ufficio e, in contemporanea, partenza ufficiale della campagna globale '10:10' per tagliare l'anidride carbonica del 10% in un anno. Ma simbolo drammatico della celebrazione, il pellicano intriso di petrolio nel Golfo del Messico. LUCIANO DEL CASTILLO/DC

Entro il 2050, a parità di peso, gli oceani conterranno più plastica che pesci. L’allarme è stato lanciato dal World Economic Forum.
Secondo il report presentato, infatti, negli ultimi 50 anni l’utilizzo di plastica è aumentato di 20 volte e, inoltre, si stima che il 95% dei rifiuti prodotti con questo materiale non venga adeguatamente riciclato. Una perdita in termini economici stimata tra gli 80 e i 120 miliardi di dollari ma che ha un costo ambientale se possibile ancora più elevato. Ad oggi, infatti, si stima che 
269 mila tonnellate di plastica siano state scaricate negli oceani. Purtroppo, si tratta di numeri destinati a crescere: secondo il World Economic Forum entro il 2025 per ogni tre tonnellate di pesci ce ne sarà una di plastica.

Fonte rivistanatura.com

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "| NEL 2050 NEI MARI CI SARA’ PIU’ PLASTICA CHE PESCI"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien