TERNI: la Fim Cisl Umbria e la formazione e qualificazione professionale

incontro dibattito su Industry 4.0, la Fim Cisl risponde presente! 

Alla presenza del Segretario nazionale della Fim Cisl Michele Zanocco e del Segretario nazionale della Cisl Giuseppe Farina, si è riunito questa mattina presso la biblioteca del Clt, il Coordinamento di Terni allargato della Fim Cisl Umbria per promuovere una delle quattro C di Industry 4.0, cioè quella della competenza. Competenza che si lega bene con la connettività, la creatività e la competitività.

Formazione e qualificazione professionale ai tempi di Industry 4.0 è stato infatti il tema dibattuto dagli intervenuti, “attori interessati allo sviluppo dell’economia digitale”, come ha ricordato Antonello Gisotti responsabile del progetto Fim Rewind. E in quest’ottica è stato presentato il cluster della manifattura additiva e il nuovo corso di ingegneria in Progettazione circolare che salperà a Terni il prossimo 25 novembre.

“La Fim Cisl dell’Umbria –afferma il segretario regionale Riccardo Marcelli è convinta che ci sia la necessità di formazione di qualità per rispondere alle esigenze dei nuovi mestieri che sono quelli di cui ha e avrà sempre più bisogno l’industria del futuro, compresa naturalmente quella del settore metalmeccanico. Formazione di qualità per le nuove generazioni ma anche per quelle che sono già occupate e che necessariamente hanno bisogno di un aggiornamento delle abilità”. “Per fare ciò sono stati individuati alcuni ITS di eccellenza tra cui quello umbro –sottolinea Alberto Cari di Confindustria- al fine di mettere a punto soluzioni didattiche e di coinvolgimento degli studenti per costruire competenze di alto profilo tecnologico, anche trasversali, che sappiano interpretare il fabbisogno di innovazione”.img-20161115-wa008

Marco Paura di Seamthesis, dopo aver illustrato le prospettive per il cluster della manifattura additiva aggiunge “che è quanto mai necessario pensare a corsi di specializzazione pure a Terni per supportare quelle iniziative di start up che si stanno sviluppando e che necessitano di manodopera altamente qualificata e specializzata”.  Un tema che riguarda tutta la piramide dell’organizzazione e del lavoro e sul quale pure Giovanni Bigazzi di Federmanager nazionale spinge forte sull’acceleratore: “Rispetto agli altri paesi europei siamo in ritardo. Abbiamo l’obbligo di recuperare il tempo perduto e la formazione manageriale costituisce una delle poche vie d’uscita: è quanto mai essenziale rivalorizzare nel mondo dell’industria le competenze e Industry 4.0 rappresenta per l’Italia l’ultima spiaggia”.  Una questione che scalda pure le Istituzioni tanto che Fabio Narciso Funzionario della Regione Umbria sottolinea: “La Regione ha adottato il Quadro Regolamento Unitario inerente il Sistema integrato di certificazione delle competenze e riconoscimento dei crediti formativi che prevedrà un monitoraggio valutativo degli effetti coinvolgendo anche le forze sociali con eventuali interventi correttivi”. Un altro tema interessante lanciato durante l’iniziativa è quello della lean organization di cui è stata esplicitata la nascita e la storia: “I principi di snellimento, semplificazione, riduzione degli sprechi oggi fondamentali per il sistema manufatturiero –asserisce Egidio Napoli esperto in lean organization- hanno reso il sistema lean un’applicazione di grandissima attualità utile a sviluppare i nuovi lavori e i nuovi saperi”.

Per quest’ultimo argomento il dirigente scolastico del liceo scientifico Donatelli Luciana Leonelli ha sostenuto che “Se da una parte i progetti di scuola alternanza scuola lavoro rappresentino un’opportunità, dall’altra tutte le scuole debbono essere messe nelle stesse condizioni per vedersela soddisfatta”. E Federico Rossi, presidente del corso di laurea di Ingegneria industriale coglie questo spunto annunciando la nascita del corsi in Progettazione circolare: “E’ necessario cominciare a parlare di etica dei prodotti introducendo temi come quelli della sostenibilità, della sicurezza e quindi della circolarità. E il nuovo corso innovativo consentirà alla nascita di una innovativa figura di ingegnere”. 

“Per far tutto ciò –auspica il segretario della Fim Cisl nazionale Michele Zanoccotutti gli attori del sistema debbono riconfigurare il loro ruolo della formazione continua e della formazione professionale: basta a corsi che non producono risultati e promossi senza tenere conto dall’analisi del fabbisogno. Ai tempi di Industry 4.0 questo non è più possibile: solo evitando gli sprechi si possono attirare nel territorio gli investimenti”. 

L’iniziativa organizzata dalla Fim Cisl dell’Umbria, arriva tra l’altro, a pochi giorni dalla presenza del ministro Carlo Calenda a Terni. “ll Progetto Industry 4.0 rappresenta indubbiamente una risposta all’esigenza che come Cisl abbiamo posto da tempo –afferma il segretario della Cisl Giuseppe Farina– per rimettere al centro dell’azione del Governo e delle parti sociali il tema degli investimenti e delle politiche industriali”. “Per l’Umbria –conclude il segretario regionale della Fim Cisl Riccardo Marcelliè una straordinaria opportunità per riqualificare e riposizionare l’industria locale nella competizione globale sostenendo la crescita e l’occupazione nel nostro Paese: la Fim Cisl dell’Umbria risponde presente sul tema della formazione convinta che con lavoratori competenti si possono attirare gli investimenti”.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "TERNI: la Fim Cisl Umbria e la formazione e qualificazione professionale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien