Montalto di Castro – Striscioni sui cancelli della casa di riposo: “Liberiamo Villa Ilvana, De Angelis vattene”

MONTALTO DI CASTRO – Quarto giorno senza il cuoco. A Villa Ilvana ormai si va avanti a oltranza, la tensione è alle stelle, i parenti dei degenti denunciano la carenza dei servizi legati alla situazione economica tra la Fondazione Omnia Onlus e la Cooperativa Sani Assistance.

Si tratterebbe di migliaia di euro che pendono sulla tranquillità dei 26 degenti della casa di riposo, che malgrado i disagi il personale della cooperativa sta cercando di tenere in equilibrio le attività degli anziani: dalla somministrazione dei farmaci alla corretta alimentazione. Gli animi si sono scaldati a tal punto che sono stati affissi degli striscioni all’ingresso della struttura: “Fondazione vergogna Omnia” e “Liberiamo Villa Ilvana. De Angelis vattene”. E’ al presidente della fondazione Omnia che i parenti puntano il dito: “per la non corretta gestione della struttura e i mancati pagamenti alla cooperativa che gestisce il personale sanitario”.

“Il problema che stiamo riscontrando in questo momento – dicono i parenti dei degenti – è la mancanza di un cuoco per cui tutti i pazienti all’interno di Villa Ilvana si trovano senza cena. Il primo giorno abbiamo ovviato il problema facendo venire dei cibi precotti dall’esterno, ma c’è stata una improvvisa dissenteria e alcuni anziani sono stati addirittura ricoverati in ospedale. Sarebbe necessario ripristinare immediatamente il cuoco per riportare alla corretta funzione del servizio mensa”. In questi giorni la Fondazione Omnia sta provvedendo a portare i pasti ma i familiari e il presidente della cooperativa Sani Assistance, Alessandro Leone, non hanno accettato il ritiro in quanto “la procedura di consegna non rispetta i requisiti igienico-sanitari”.

Dopo i controlli di giovedì da parte dei Nas, dei carabinieri, della Asl e della polizia locale, sabato sera a varcare i cancelli della casa di riposo anche la Guardia di finanza che ha eseguito gli accertamenti sulla somministrazione dei pasti. I pasti al momento sono distribuiti dal Comune di Montalto, e domenica sera a Villa Ilvana sono giunti il sindaco Sergio Caci e il vicesindaco Luca Benni che hanno assicurato i familiari dei degenti. “Una vicenda incresciosa – ha detto il primo cittadino -. Al momento stiamo garantendo il vitto, la sicurezza e anche quella sanitaria agli ospiti di Villa Ilvana. Lunedì mattina ci sarà un incontro con i nostri avvocati per quanto riguarda la gestione del servizio, rovinato dalla malagestione della fondazione Omnia. È ora di cambiare registro, faremo in modo che questa fondazione termini questo rapporto il prima possibile”.

Dal canto suo il presidente della Fondazione Omnia Paolo De Angelis dichiara che: “Da aprile 2016, mi sono trovato in difficoltà per la prima volta a causa del fatto che alcune famiglie non hanno pagato le rette mensili. La struttura purtroppo ospita solo 26 pazienti e alle famiglie morose ho chiesto di portare via i pazienti, dal momento che non sono soddisfatte del servizio, perché non pagare per ottenere un servizio migliore non crea un rapporto virtuoso tra chi usufruisce e chi deve garantire la prestazione. Sono dispiaciuto nel vedere che gli autoctoni cercano di mettere in cattiva luce la Fondazione, mentre chi viene da fuori generalmente è soddisfatto. Per quanto riguarda i miei problemi con il comune, voglio dire che parte dell’immobile non è fruibile a causa di lavori strutturali mai eseguiti e che spetterebbe all’amministrazione portare avanti. Tutto considerato, nonostante gli introiti siano scarsi a causa del numero esiguo di ospiti, il servizio offerto è soddisfacente. Il problema economico non è da sottovalutare ed è di difficile soluzione. Ho cercato di delegare alla cooperativa il credito che ho nei confronti delle famiglie, sperando di sistemare la situazione, perché senza incassi la struttura non può andare avanti”.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Montalto di Castro – Striscioni sui cancelli della casa di riposo: “Liberiamo Villa Ilvana, De Angelis vattene”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien