Rieti: con l’Operazione Baltico, sgomitata banda dedita a truffe, ricettazione e riciclaggio internazionale

RIETI – Al termine di una lunga indagine, iniziata nel gennaio 2015, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica dottor Rocco Gustavo Maruotti, personale della 3ª Sezione della Squadra Mobile della Questura di Rieti, diretta dal Vice Questore Aggiunto Dott.ssa Antonella Maiali, ha disarticolato un’organizzazione criminale, avente caratteristiche associative, operante su tutto il territorio nazionale, dedita alla truffa, estorsione, ricettazione e riciclaggio internazionale di autovetture di grossa cilindrata ed altri mezzi di locomozione di ingente valore commerciale.

L’operazione è partita all’alba di ieri e si è conclusa nella mattinata odierna con l’esecuzione di sei delle otto misure cautelari disposte dal GIP del Tribunale di Rieti, Dott. Andrea Fanelli. Gli agenti della Squadra Mobile Reatina hanno operato in collaborazione con le Squadre Mobili delle Questure di Bologna, Pescara e Foggia, nonché con la Polizia Stradale di Pescara ed il Commissariato di P.S. San Severo, arrestando:

Marco Canistro del 1979 e Minò Luigi del 1984, destinatari della misura cautelare della custodia in carcere, che sono stati associati presso la Casa Circondariale di Foggia; Luigi Canistro del 1973, Luigi Gualano del 1955 e Antonietta Di Lillo del 1957, destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Inoltre è stata notificata a Anna Giovanna Lombardi del 1972 la misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Al momento sono ancora attivamente ricercati:

Roberto Canistro del 1977, destinatario della misura cautelare della custodia in carcere;

Nerijus Paliulis cittadino lituano del 1976, destinatario della misura cautelare dell’obbligo di dimora e del divieto di espatrio.

Il sodalizio criminale, composto in totale da 10 soggetti, tutti già noti alle Forze di Polizia e originari della provincia di Foggia (in particolare San Severo e Torre Maggiore), con la sola eccezione del lituano Nerijus Paliulis, si caratterizza per una forte componente familistica: molti degli associati, infatti, sono legati tra loro da vincoli di parentela, il che ha reso il “consorzio criminale” particolarmente coeso, sul modello delle cosiddette “‘ndrine” calabresi. L’associazione aveva base fra le provincie di Pescara e Foggia ed era solita colpire su tutto il territorio nazionale, con predilezione per la “dorsale adriatica”

Le indagini sono state svolte con metodi tradizionali, avvalendosi anche della collaborazione della Polizia Stradale di Rieti, Pescara e Bolzano e con attività tecniche di intercettazione. Questo complesso sforzo investigativo ha consentito agli Agenti della Squadra Mobile reatina di ricostruire ben 41 fatti di reato, due dei quali consumati in questa città in danno di noti imprenditori, ricostruendo la storia di ogni veicolo truffato, per un danno economico per le vittime di oltre 1.000.000 di euro.

Il consolidato modus operandi dei malfattori, che agivano da diversi anni, consisteva nel contattare i proprietari di autovetture poste in vendita sui principali siti internet di compravendita di beni usati, come Subito.it o Autoscout24.it, per concordare un appuntamento per l’acquisto del veicolo, incontro che si svolgeva generalmente nella città di residenza della potenziale vittima il successivo venerdì pomeriggio.

questura_di_rieti_polizia_operazione_baltico_2016_b

Una volta visionato il veicolo da parte dell’acquirente e di un complice che si fingeva meccanico, le cui verifiche erano in realtà mirate ad accertare che sulla vettura non fossero istallati geo-localizzatori GPS, il veicolo veniva pagato tramite un assegno circolare falso o privo di provvista, apparentemente emesso da noti istituti bancari pugliesi, per poi formalizzare il passaggio di proprietà presso un’agenzia telematica ACI.

Una volta portato a segno il colpo i truffatori, a folle velocità come accertato dai verbali dei Tutor elevati ai veicoli interessati, tornavano verso Pescara per poi rientrare a San Severo (FG), dove facevano perdere le loro tracce anche attraverso l’immediata disattivazione delle utenze telefoniche utilizzate per contattare le vittime.

Nel frattempo la parte offesa non riusciva a verificare la genuinità né la provvista dell’assegno, stante la chiusura delle banche nel fine settimana. Il giorno seguente, l’acquirente/truffatore, che aveva acquistato il veicolo utilizzando i propri documenti, si recava presso un Ufficio di Polizia o dei Carabinieri, per denunciare lo smarrimento dei documenti della vettura. In questo modo, poco dopo, con la sola denuncia e l’intestazione del veicolo, si recava presso un’agenzia telematica ACI dove poteva effettuare legalmente la radiazione dal P.R.A. per esportazione internazionale dell’automezzo.

Una volta terminata detta operazione le autovetture venivano dislocate lungo i parcheggi della Statale Adriatica, in attesa che P. N., commerciante Lituano di autovetture, le facesse caricare su proprie bisarche per poi trasportarle e successivamente riciclarle all’estero e precisamente in Francia, Germania, Bulgaria, Romania, Polonia, Estonia, Lituania e Finlandia.

Tutta l’attività era promossa e diretta da CANISTRO Roberto, un sanseverese abitante a Pianelle (PE), con la complicità della moglie, LOMBARDI Anna Giovanna, titolare di una rivendita di autovetture, utilizzata per fornire “copertura” alla realizzazione degli affari illeciti del sodalizio.

Organizzatore e braccio destro di CANISTRO Roberto, il fratello Marco, che collaborava con il primo in tutte le attività di direzione dell’associazione ed eseguiva materialmente la gran parte delle truffe, fingendosi meccanico.

Il ruolo di organizzatori è stato riconosciuto anche a CANISTRO Luigi, altro fratello di CANISTRO Roberto, e MINO’ Luigi, anch’essi esecutori materiali di gran parte delle truffe.

Il ruolo di partecipi all’associazione è stato riconosciuto agli altri soggetti destinatari di misura cautelare nonché ad altri due indagati, T.S. e G.G. (sanseveresi di 45 e 55 anni), i quali eseguivano materialmente alcune truffe spendendo la propria identità.

Molte delle vetture sono state recuperate e poste in sequestro, anche all’estero. Alcune sono già state restituite agli aventi diritto.

questura_di_rieti_polizia_operazione_baltico_2016_aGli associati, tramite elaborate tecniche di sostituzione di persona, in taluni casi sono anche riusciti, con l’aiuto del titolare di un’agenzia di pratiche auto compiacente, a cedere le autovetture a regolari rivendite di autoveicoli nel nord Italia.

Il sodalizio criminale, oltre ai predetti veicoli, nell’arco temporale d’interesse ha anche truffato natanti, moto d’acqua e macchine operatrici e agricole.

Di rilevante interesse investigativo anche la riproduzione fedele di assegni circolari di varie banche forniti agli ignari venditori, che in alcuni casi hanno ingannato anche i bancari dove gli stessi titoli sono stati posti all’incasso.

In un caso eclatante, a dimostrazione dell’abilità dei soggetti, gli stessi, dopo aver truffato il proprietario di una Porsche Cayman del valore di oltre 50.000 euro, auto che si facevano consegnare dal venditore direttamente a San Severo (FG), prima di accompagnarlo alla stazione ferroviaria per consentirgli di prende il treno che lo avrebbe riportato nella città di provenienza, con il pretesto di “brindare all’affare reciprocamente appena concluso” si facevano “offrire” dalla vittima un costoso pranzo a base di pesce presso un noto ristorante locale.

In un’altra occasione gli associati hanno anche provato a ricattare la vittima di truffa chiedendole denaro per ottenere la restituzione del veicolo, con il noto meccanismo estorsivo del cosiddetto “cavallo di ritorno”.

“Un importantissimo risultato”, ha dichiarato il Questore di Rieti Dr. Gualtiero D’Andrea, “soprattutto in considerazione della difficoltà di collegare tra loro fatti avvenuti in tempi e località tanto diversi. Solo grazie alla tenacia e alla professionalità degli Agenti della Squadra Mobile, sapientemente coordinati dalla Procura della Repubblica di Rieti, si è riusciti a intuire l’esistenza di un vincolo associativo e a disarticolare un sodalizio criminoso che per anni ha approfittato della buona fede di ignari cittadini”.

 

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Rieti: con l’Operazione Baltico, sgomitata banda dedita a truffe, ricettazione e riciclaggio internazionale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien