Civitavecchia – Alta tensione tra NCC e Royal Bus: “Basta con la concorrenza sleale. Regole uguali per tutti”

“Paghiamo le postazioni dentro largo della Pace 600 euro al mese. Loro “abbordano” i croceristi in modo scorretto già quando li fanno salire sui servizi shuttle”

CIVITAVECCHIA – E’ una polemica antica quella tra gli NCC e la Royal Bus. Una polemica che vede da una parte i noleggiatori fuori da largo della Pace e la Royal Bus che carica i passeggeri quando sbarcano dalle navi, li traghetta dentro la piazza attrezzata, posteggia in modo selvaggio senza incorrere in sanzioni e carica i passeggeri convincendoli che i suoi pacchetti siano migliori degli altri.

Queste sono le principali accuse dei noleggiatori che, tra le altre cose, sono costretti a pagare alla Port Mobility, per avere un ombrellone con due sedie dentro l’area di accoglienza passeggeri, la bellezza di 600 euro al mese.

Gli stalli che dovevano essere messi a disposizione sia dei taxi che degli NCC non sono stati mai adeguati alle reali esigenze dei servizi. Dunque è facile vedere gli NCC girovagare al di fuori dell’ingresso di largo della Pace nella speranza di accalappiare turisti in cerca di passaggio per un tour su Roma.

Una situazione sempre più tesa e tensioni che stanno sempre più aumentando anche a causa delle scarse iniziative messe in atto dal nuovo presidente dell’Autorità Portuale, Francesco Maria Di Majo che, distratto dai molteplici quanto inutili viaggi di rappresentanza, non ha ancora affrontato in modo serio e decisivo i tanti problemi che attanagliano e tengono ingessato il porto.

Il nodo con Port Mobility e la riapertura di varco Fortezza erano i temi principali e sbandierati dal presidente subito dopo il suo insediamento ma, a quanto pare, sono priorità passate decisamente in secondo piano e che invece rischiano di sfociare in clamorose proteste.

Gli NCC chiedono e pretendono che vengano rispettate le libertà di mercato e la libera concorrenza. Che non ci siano divisioni tra categorie di serie A (Royal Bus) e categoria di serie B (NCC).

Tutti devono avere le stesse chances di proporsi ai passeggeri ed offrire loro dei pacchetti su tour in tutto il territorio.

Stessa cosa dicasi per l’incredibile e scorretta concorrenza messa in atto dal Comune di Civitavecchia con Argo che vende ai passeggeri un biglietto per la stazione ad una somma fuori mercato e illegittima di 2 euro a tratta.

Insomma, argomenti sui quali sarà il caso di ritornare presto con una inchiesta giornalistica che possa approfondire meglio tutti questi aspetti.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Civitavecchia – Alta tensione tra NCC e Royal Bus: “Basta con la concorrenza sleale. Regole uguali per tutti”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien