Civitavecchia – Royal Bus si rivolge al Tribunale per avere soldi da Port Mobility

bty

Emesso un decreto ingiuntivo verso il quale è già stato anticipato l’azione di ricorso e quindi la disputa in sede civile

CIVITAVECCHIA – Riceviamo e pubblichiamo: “Port Mobility, la società degli Azzopardi,  si è vista recapitare ieri un  decreto ingiuntivo Prot. 4417/2017 R.G.C. di oltre quatto milioni a beneficio della Royal Bus.

Di fronte al Giudice del Tribunale Civile, è andato in scena lunedì scorso il primo atto di quella che, con ogni probabilità, sarà la lunga battaglia contro Port Mobility della Royal Bus di Massimiliano Passalacqua per il l’affermazione dei propri diritti.

Il Tribunale ha approvato la documentazione prodotta e ha “validato” la fattura di 4 milioni e 400 mila euro con cui Royal Bus ha chiesto il saldo per i servizi svolti in porto dal 2014 al 2017, poco prima di essere estromessa, malgrado l’intervento del Ministero. 

La decisione del giudice del Tribunale civile, favorevole a Massimiliano Passalacqua, interviene mentre è ancora aperta un’altra importante vicenda  legata alla concessione a favore della Port Mobility poi acquistata dagli Azzopardi, della quale la Royal Bus ha recentemente chiesto la revoca all’ Authority. 

Ora Port Mobility ha quaranta giorni di tempo per opporsi, prima dell’avvio delle procedure per l’esecuzione forzata del debito”.

Questo il testo del comunicato emesso dalla società di Massimiliano Passalacqua. Edy Azzopardi, di rientro da Fort Lauderdale dove si è svolto il Sea Trade 2018 ha annunciato che martedì prossimo, durante una conferenza stampa, illustrerà anche i contenuti dell’opposizione ad un “atto dovuto” del Tribunale.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Civitavecchia – Royal Bus si rivolge al Tribunale per avere soldi da Port Mobility"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien