Interpool annulla l’Avviso Rosso su Dolkun Isa

ROMA – Nel mese di febbraio l’Interpool ha annunciato la rimozione di un avviso rosso su Dolkun Isa, poche settimane dopo la sua elezione come presidente del World Uyghur Congress a Monaco. Dolkun Isa era stato posto sotto l’avviso rosso da quando è fuggito dalla Cina nel 1996.
L’ Interpol ha rinviato le domande relative alla decisione e ha riferito a Reuters che non avrebbe commentato casi specifici nei quali è suggerito: “… ti consigliamo di contattare le autorità che ritieni abbiano richiesto un avviso rosso”.

Le autorità cinesi hanno immediatamente contestato la decisione in una dichiarazione rilasciata dal ministero degli Esteri, notando “insoddisfazione” con la decisione e ribadendo la loro affermazione di lunga data, “Dolkun Isa è un terrorista come determinato dal governo cinese”. L’avviso rosso era stato rilasciato dall’ Interpol sulla base di una richiesta dalla Cina, ma secondo Reuters, la Cina non ha mai rivelato le prove su cui si basava l’avviso.

Per comprendere le preoccupazioni della Cina e sollevare domande con l’Interpol, occorrr avere delle conoscenze di base. Gli uiguri sono una nazione della Cina, e la maggior parte di loro vive nello Xinjiang, in Cina. Urumqi è la capitale dello Xinjiang, inizialmente fondata dai cinesi Han e Hui e successivamente si presentarono gli uiguri.

Nel 2004 fu istituito il World Uyghur Congress (WUC) a Monaco. Si tratta di molti piccoli gruppi uiguri sostenitori del Turkestan orientale, a differenza della Cina che sostiene uno Xinjiang multietnico.

Il Fair Trial Committee (FTC) è una ONG fondata nel 1992, con sede in Gran Bretagna. L’organizzazione afferma che si impegnerà duramente per proteggere i propri diritti legali e garantire coloro che sono accusati di reati diversi da quelli nel proprio paese ricevano procedimenti legali equi. Il FTC svolge un ruolo importante in quattro aree: difesa dei diritti dell’UE, riforme estradizionali, detenzione preventiva e riforme dell’Interpol.
Nel 2017, l’FTC ha sostenuto per due volte l’annulamento dell’avviso rosso su Dolkun Isa, e per diversi anni ha sollevato all’interpool la rimozione di tale avviso.

Dolkun Isa è il vice presidente del Unrepresented Nations and Peoples Organization (UNPO), il WUC è il membro di questa organizzazione. Gli UNPO sono organizzazioni che rappresentano le voci delle popolazioni e delle regioni emarginate. Un esempio la Lettonia, la Georgia che appartengono all’ex Unione Sovietica. Un altro esempio è il Kosovo.

Il Turkestan orientale è rappresentato dal WUC ed è riconosciuto come membro del UNPO. Il luogo denominato “Turkestan Orientale” dal WUC e UNPO in realtà è una regione autonoma uigura dello Xinjiang, la più grande regione autonoma della Cina. Originariamente si riferiva solo a un’area dello Xinjiang nota come Bacino di Tarim. Il nome era basato principalmente su opere turcologiche sovietiche. Da allora è stato esteso dai separatisti uiguri per descrivere l’intera regione dello Xinjiang. Quindi l’uso del termine separatista da parte dei membri della diaspora uiguro è provocatorio in Cina, poiché promuove l’esistenza di una nazione separata, piuttosto che una regione autonoma della Cina.

Con il successo dell’elezione, la rimozione dell’avviso rosso di Dolkun Isa, l’aumento dei gruppi uiguri sotto il nome di Turkestan orientale e l’aumento delle proteste in Europa portano a pensare ad un motivo che va oltre alla cosidetta oppressione cinese sul WUC e i gruppi che lo sostengono.

L’apparenza di raccogliere il supporto internazionale per separare una grande area strategicamente ed economicamente critica della Cina, creando una nazione indipendente, dominata dal popolo islamico Uiguro. Il crescente livello di proteste e la rimozione dell’avviso rosso, che la Cina afferma essere un avviso internazionale giustificato, merita un’ulteriore considerazione. Fintanto che Dolkun Isa e i suoi sostenitori giustificano le loro attività insistendo sul fatto che esiste già una nazione chiamata Turkestan orientale, sono in opposizione ai confini stabiliti della Repubblica Popolare Cinese.

Perché si realizzi una soluzione pacifica, è necessario apportare modifiche alla situazione attuale. Anni di proteste tra la diaspora degli uiguri non hanno portato a una soluzione e in qualche modo hanno peggiorato le cose, poiché hanno aumentato il sospetto sulle vere motivazioni degli organizzatori delle proteste. I disordini nello Xinjiang e altrove in Cina hanno portato a maggiori misure di sicurezza per proteggere i cittadini e le proprietà cinesi.

Forse si potrebbe trovare un approccio migliore in cui Uiguro e delegati cinesi entrino in un dialogo attraverso il quale entrambe le parti possano essere meglio informate dei motivi e delle preoccupazioni dell’altro. Tale dialogo dovrebbe iniziare con una comprensione dell’integrità dei confini territoriali della Cina. Le proposte concrete realistiche per affrontare le preoccupazioni della diaspora Uigura al di fuori della Cina dovrebbero essere basate sulle circostanze nello Xinjiang. Una terza parte disinteressata potrebbe garantire che il dialogo sia produttivo.

In tal modo è possibile che il progresso, anziché le proteste, possa essere applicato ai problemi nello Xinjiang e portare a una soluzione reciprocamente soddisfacente. L’unità di intenti per arrivare a una soluzione pacifica.

20180424iltempo-15
Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Interpool annulla l’Avviso Rosso su Dolkun Isa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien