ALL’UNITUS LA RICERCA PER SALVARE AGRICOLTURA E FORESTE E’ POTENTE

“Il progetto dell’UNITUS mira a migliorare  la qualità della ricerca: in particolare i progetti riguardanti la sostenibilità dei sistemi agrari e forestali in ambiente mediterraneo, non solo dal punto di vista locale ma anche nel contesto di un cambiamento globale”.

 

Così il professor Nicola Lacetera risponde alle domande di Simona De Santis giornalista del Corriere della Sera che pubblica oggi su “La Lettura” un inserto dell’autorevole giornale, un’intervista con il cattedratico dell’Università della Tuscia alla quale sono arrivati dal MIUR 22 milioni di euro per 5 anni proprio per portare avanti il progetto  Safe-Med elaborato dal DAFNE (Dipartimento di Scienze Agrarie e Forestali) dell’UNITUS.

Sostenibilità ambientale, agricoltura , mutamenti globali e clima sono i temi, secondo la giornalista del Corsera sui quali si gioca  una parte non trascurabile  dello sviluppo mondiale. E in questo ambito la ricerca dell’Università della Tuscia è in prima linea.

 

Il progetto Safe-Med è stato elaborato insieme con altri due dipartimenti: quello per l’innovazione nei sistemi biologici, agroalimentari e forestali e quello di studi linguistico-letterari, storico-filosofici e giuridici. “Reclutando  ricercatori -ha aggiunto il professor Lacetera- in aree strategiche  dove eravamo sguarniti, potenziando le infrastrutture, migliorando l’offerta formativa, favorendo l’internazionalizzazione delle didattica e la mobilità degli studenti, nell’arco di 5 anni ce la faremo a raggiungere l’obiettivo”.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "ALL’UNITUS LA RICERCA PER SALVARE AGRICOLTURA E FORESTE E’ POTENTE"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien