Civitavecchia Porto – Di Majo al pranzetto di Natale un “pacco dono” a Port Utilities

CIVITAVECCHIA – Al ridicolo non c’è fine a Molo Vespucci. Due le cose di un certo umorismo organizzate dallo “sciatore butterato” alias Francesco Maria Di Majo.

La prima davvero ridicola il “pranzetto” di Natale.

Organizzato anche con l’imbarazzante firma del comandante della Capitaneria di Porto, hanno invitato il personale (pochi hanno aderito per la verità, su oltre 100 appena una quindicina) ad un pranzo di auguri a pagamento che si terrà dentro il nuovo Terminal.

Quindici euro a persona per partecipare all’evento. Lui, il presidente, sarà affiancato dai suoi nuovi e fedeli lacché alla stregua di Malcolm Morini “l’iscariota” e dal “cavallaro” Pittavalle.

Dice, ma è solo una chiacchiera, che sia stato invitato anche il capo della Procura.

Chissà se aderirà all’invito e se lo costringeranno a pagare la quota; mistero!

L’altra cosa ridicola è il pacco dono che Di Majo, novello Babbo Natale, ha consegnato a Russo e Port Utilities. Già! Sembrerebbe che in preda al delirio d’onnipotenza, scaturito da una richiesta di archiviazione (richiesta) e dai comunicati elogiativi scritti dai desaparesidos del Partito Democratico, avrebbe deciso di disfarsi anche di Port Utilities.

Coraggio non gli manca, riconoscerglielo non è reato.

Ha messo in moto il suo cervello da terminator e sta radendo al suolo ciò che di buono era stato fatto.

Su largo della Pace inoltre  ha fatto organizzare da Malcom (il cui nome ricorda quello di un motorino 50 cc anni ‘80) un interessante convegno su come trasformare il piazzale in un grande info point turistico per amici degli amici e qualche balneare.

All’evento ha partecipato anche Pittavalle. Con lui è difficile parlare al telefono. Ha sempre la batteria scarica al 3% e quindi quando lo incontri per chiedergli qualcosa te lo fa scrivere su carta (non quella ufficiale). Tipo messaggino Baci Perugina per capirci.

Bene.

Questo è il Natale di Molo Vespucci tra portaborse a braccetto con Jacopo Signorile, figlio di Claudio, amico di Incalza, che dopo l’operazione Privilege starebbero per portare a termine quella dell’Interporto.

Non sappiamo se il Procuratore parteciperà al pranzo ma, farebbe bene a tenersi ben stretto il portafogli. Troppa brutta gente gira dentro il porto. Troppa.

Solo una cosa è certa. Finalmente i commissari hanno un nome ed un cognome.

segue

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Civitavecchia Porto – Di Majo al pranzetto di Natale un “pacco dono” a Port Utilities"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien