Roma- Etichettatura di origine obbligatoria, finalmente totale tracciabilità

Roma – L’etichettatura di origine obbligatoria degli alimenti, è stata introdotta per la prima volta in tutti i Paesi dell’Unione Europea nel 2001 dopo l’emergenza mucca pazza nella carne bovina per garantire la trasparenza con la rintracciabilità e ripristinare un clima di fiducia. Da allora molti progressi sono stati fatti, ma è sempre rimasto l’atteggiamento incerto e contradditorio dell’Unione Europea che ha sempre obbligato ad indicare l’origine in etichetta per le uova ma non per gli ovoprodotti, per la carne fresca ma non per i salumi, per la frutta fresca ma non per i succhi e le marmellate, per il miele ma non per lo zucchero.

Con il via libera di oggi al Senato del decreto Semplificazioni, “finalmente si potrà conoscere la provenienza della frutta impiegata in succhi, conserve o marmellate, dei legumi in scatola o della carne utilizzata per salami e prosciutti fin ad ora nascosta ai consumatori, ma anche difendere l’efficacia in sede europea dei decreti nazionali già adottati in via sperimentale in materia di etichettatura di origine di pasta, latte, riso e pomodoro”. Ad affermarlo il presidente della Coldiretti Ettore Prandini.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Roma- Etichettatura di origine obbligatoria, finalmente totale tracciabilità"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien