Civitavecchia – Al teatro Traiano il debutto de “La commedia di Gaetanaccio”

Tra gli attori Giorgio Tirabassi e Carlotta Proietti 

 

Civitavecchia – Debutta in anteprima al Teatro Traiano, il capolavoro di Luigi Magni, La commedia di Gaetanaccio con Giorgio Tirabassi e Carlotta Proietti, con le musiche originali di Gigi Proietti, Piero Pintucci, Luigi Magni, nell’ambito della stagione teatrale promossa da ATCL – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio con il finanziamento del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lazio e del Comune di Civitavecchia, il 16 febbraio alle ore 21 e il 17 febbraio alle ore 17.
La commedia di Gaetanaccio, capolavoro di Luigi Magni che torna in scena dopo quarant’anni esatti dal suo debutto, è ispirata a un personaggio realmente esistito a Roma, Gaetano Santangelo detto appunto Gaetanaccio, burattinaio ambulante che sulle spalle trasportava il suo castello di marionette per le vie, le piazze e all’interno dei palazzi della nobiltà romana, dove spesso era chiamato per rallegrare feste e banchetti.
Siamo nella Roma papalina, la soggiogazione del povero, l’indigenza, la paura sono sentimenti che vengono compensati dal carattere indolente, giocoso e spavaldo di un popolo che con gli abusi del potere ha sempre convissuto. E così l’irriverente e gradasso Gaetanaccio, innamorato di Nina, anch’essa attrice in cerca di fortuna, condivide con lei la sorte, ritrovandosi davanti al bivio del compromesso.
Come in tutte le sue opere, Magni dipinge una Roma che riesce a far convivere amore e cinismo, ironia e poesia. È principalmente una commedia musicale che anche grazie alla presenza dei musicisti in scena, evoca la dimensione onirica, favolistica del testo.
Le canzoni, seppur a volte accompagnate da musiche leggere e allegre, presentano uno sfondo amaro e sarcastico. Nei dodici brani che compongono l’opera sono narrate le vicende del protagonista e della comunità di teatranti che, a causa del divieto che proibisce ogni tipo di rappresentazione, patiscono la fame costretti a inventarsi la vita per sperare di sopravvivere.

A rendere ancor più spiccata la similitudine tra i personaggi e i burattini di Gaetanaccio, oltre alle avversità che popolano le loro storie, sono anche gli abiti che indossano, la cornice in cui si muovono, quasi a evocare una scena nella scena. Perfino la Morte, sempre presente nella tradizione romana, assume carattere antropomorfo e si fa persona vera per intervenire nel destino dei protagonisti.
L’amore, rappresentato da Nina, è l’ideale amoroso puro e irraggiungibile che si mostra nella sua poetica fragilità capace di essere forte e concreta quando la vita lo richiede. Un desiderio di poesia e bellezza che rappresenta l’unico riscatto allo scetticismo e all’apatia si concretizzano nel miracolo finale; e quella che sembra essere una commedia ‘contro il papato’ trova il suo finale nella magia dell’amore, nella sconfitta della morte, nella gioia della vita.
Sogno e realtà le parole chiave capaci di raccontare questo nuovo allestimento, adatto anche ad un pubblico di giovanissimi, che vuole riportare La commedia di Gaetanaccio ai primi posti dei classici della tradizione popolare, dove merita di essere.

 

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Civitavecchia – Al teatro Traiano il debutto de “La commedia di Gaetanaccio”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien