Civitavecchia – Tutti alla sbarra gli indagati della Privilege Yard

CIVITAVECCHIA – Andranno tutte a processo le tredici persone indagate per bancarotta fraudolenta riguardo il fallimento della Privilege. Lo ha stabilito il Giudice, dottor Francesco Filocamo, al termine dell’udienza preliminare svoltasi al Tribunale di Civitavecchia, accogliendo la richiesta della pubblica accusa, rappresentata dai pubblici ministeri Mirko Piloni ed Allegra Migliorini. Allo stesso tempo, il Giudice ha quindi respinto le richieste dei difensori degli indagati, che avevano richiesto il proscioglimento per i loro assistiti.

La prima udienza è stata fissata per il prossimo 4 dicembre e si presume che il processo avrà una notevole risonanza mediatica e non solo a livello locale, anche perché la vicenda Privilege si incrocia anche con quella relativa a Banca Etruria, uno degli istituti di credito che si è maggiormente esposto nella fase di start up del cantiere.

Come si ricorderà, verso la fine dello scorso decennio era partita l’operazione, con l’acquisizione dell’area alla Mattonara dove era iniziata la costruzione di un megayacht il cui presunto acquirente è rimasto sempre segreto. Il cantiere ha operato a fasi alterne per alcuni anni, poi sono iniziati i problemi, che hanno portato alla sua chiusura, allo stop dei lavori per la ultimazione dello scafo e alla messa in mobilità di decine di lavoratori metalmeccanici, col conseguente e definitivo fallimento.

Peraltro, la vicenda non si gioca poi solo sull’aspetto penale, ma anche su quello civile, con la maxi richiesta di risarcimento danni avanzata a carico degli ex amministratori, del vecchio collegio sindacale e alla società di certificazione e revisione del bilancio, ai quali è stata complessivamente richiesta una cifra vicina ai 100 milioni di euro.

Share Button

1 COMMENTO SU "Civitavecchia – Tutti alla sbarra gli indagati della Privilege Yard"

  1. L’Autorità Portuale di Civitavecchia ha concesso tre concessioni di area a Privilege Yard. Ogni concessione del 22-11.07, 29-07-07-09 e 31-5-11 ha vietato a Privilege Yard di trasferire, costituire in pegno o cedere a terzi, anche parzialmente, per qualsiasi ragione. Tutti i lavori per la realizzazione di opere, impianti e strutture sono svolti esclusivamente da Privilege Yard. Tutti i lavori per la realizzazione di opere, impianti e strutture sono eseguiti esclusivamente dalla Società Privilege, senza che la Società abbia diritto a rimborsi, indennizzi o indennizzi di qualsiasi natura, in relazione alle spese sostenute a tal fine.

    In che modo le banche sono entrate in possesso dei beni di Privilegio (immobili, attrezzature, ecc.) per poterli mettere all’asta? Secondo i termini di tre documenti di concessione, tutti gli immobili fisici all’interno dell’area di concessione (ad eccezione della nave siderurgica) sono di proprietà dell’Autorità Portuale, e a sua volta delle persone servite dall’Autorità Portuale. Come e perché il Curatore Fallimentare ha preso in considerazione questi valori per la gente di Civitavecchia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien