Recup Lazio- ACapo: “Regione assegna servizio a Consorzio indagato per turbativa d’asta e danni erariali”

Roma, 18 giugno 2019 – In mobilità oltre ottocento persone del Recup del Lazio (il servizio che garantisce le prenotazioni sanitarie a tutti i cittadini della regione). Di queste il 34% sono disabili. È  questo il destino che aspetta i lavoratori della cooperativa aCapo, dopo il cambio di appalto deciso da Regione Lazio e Lazio Crea il 13 maggio scorso. Ma una società della nuova ATI (associazione temporanea di imprese) cui la Regione Lazio sta assegnando il servizio, il Consorzio Lavoro Ambiente, intanto è indagata per turbativa d’asta dalla procura di Trento e per danni erariali dalla Corte dei Conti Regionale. A segnalarlo è la stessa cooperativa aCapo, che ha gestito il servizio del Recup del Lazio dal 2004 ad oggi.

Regione Lazio e Lazio Crea non possono usare due pesi e due misure – ha detto la presidente Roberta Ciancarelli -. Si estromette aCapo per un Durc irregolare, giudicato illegittimo, ma poi si affida lo stesso servizio a un’ATI con un’impresa indagata per un reato gravissimo che impatta con la partecipazione alle procedure di evidenza pubblica, e che dovrebbe portare all’esclusione dalla gara per gravi illeciti professionali. È doveroso che la Regione revochi l’assegnazione dell’appalto in autotutela come fece per la gara sui Cup nel 2014, nel caso di Mafia Capitale, in linea con gli obblighi di imparzialità, trasparenza e interesse pubblico previsti dalla Costituzione”. Un caso analogo si era verificato infatti anche a dicembre 2014 quando la Regione Lazio aveva revocato l’indizione della gara d’appalto per il servizio CUP di numerose Aziende Sanitarie a Roma e nel Lazio per “motivi di pubblico interesse” e “ragionevole prudenza” a seguito del clamore suscitato dall’inchiesta Mafia Capitale, quando ad essere coinvolto fu l’allora presidente della Cooperativa Capodarco.”Dalla Regione Lazio e da LazioCrea attendiamo – conclude Ciancarelli – l’applicazione di criteri di equità previsti dall’art. 80 del Codice dei Contratti, applicando gli stessi principi adottati nel 2014 nei confronti dell’allora Capodarco“.

 

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Recup Lazio- ACapo: “Regione assegna servizio a Consorzio indagato per turbativa d’asta e danni erariali”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien