Roma – Giuramento d’Ippocrate per 600 giovani medici del Lazio

Roma- Domani è il gran giorno dei 600 giovani medici di Roma e del Lazio. L’Ordine di Roma e provincia, il più grande d’Italia con oltre 40mila iscritti, li ha riuniti per il giuramento d’Ippocarte passaggio simbolico che sancisce l’ingresso dei neolaureati nel campo della professione. Uno snodo fondamentale per la vita professionale dei giovani camici bianchi nelle varie articolazioni pubbliche e private del Servizio sanitario nazionale.

La cerimonia si terrà domani 22 giugno presso lo Sheraton Hotel (Magliana) a partire dalle 16.

“Un ingresso nella professione che capita in un momento difficile per il ruolo del medico e per il Ssn in generale – spiega il vice presidente Pierluigi Bartoletti – proprio per questo abbiamo voluto organizzare una cerimonia, con famiglie e amici dei suoi neoiscritti. Come Ordine lavoriamo per restituire dignità e garantire tutela ai medici, una categoria essenziale per il Paese e per stimolare la consapevolezza e l’assunzione di responsabilità sociale che ne deriva”.

“Con questa iniziativa l’Ordine vuole dare un segnale forte e importante di attenzione e supporto a queste centinaia di neo iscritti – dichiara il presidente Antonio Magi – consolidare le motivazioni e l’entusiasmo di questi nostri giovani colleghi è il nostro compito anche perché credo i possano fare la differenza nella qualità del loro lavoro per garantire salute ai cittadini che incontreranno nel loro agire quotidiano, sia negli ospedali che sul territorio”.

Testo antico 

«Giuro per Apollo medico e Asclepio e Igea e Panacea e per tutti gli dei e per tutte le dee, chiamandoli a testimoni, che eseguirò, secondo le forze e il mio giudizio, questo giuramento e questo impegno scritto:
di stimare il mio maestro di quest’ arte come mio padre e di vivere insieme a lui e di soccorrerlo se ha bisogno e che considererò i suoi figli come fratelli e insegnerò quest’arte, se essi desiderano apprenderla, senza richiedere compensi né patti scritti; di rendere partecipi dei precetti e degli insegnamenti orali e di ogni altra dottrina i miei figli e i figli del mio maestro e gli allievi legati da un contratto e vincolati dal giuramento del medico, ma nessun altro.
Regolerò il tenore di vita per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio; mi asterrò dal recar danno e offesa.
Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, né suggerirò un tale consiglio; similmente a nessuna donna io darò un medicinale abortivo.
Con innocenza e purezza io custodirò la mia vita e la mia arte.
Non opererò coloro che soffrono del male della pietra, ma mi rivolgerò a coloro che sono esperti di questa attività.
In qualsiasi casa andrò, io vi entrerò per il sollievo dei malati, e mi asterrò da ogni offesa e danno volontario, e fra l’altro da ogni azione corruttrice sul corpo delle donne e degli uomini, liberi e schiavi.
Ciò che io possa vedere o sentire durante il mio esercizio o anche fuori dell’esercizio sulla vita degli uomini, tacerò ciò che non è necessario sia divulgato, ritenendo come un segreto cose simili.
E a me, dunque, che adempio un tale giuramento e non lo calpesto, sia concesso di godere della vita e dell’arte, onorato dagli uomini tutti per sempre; mi accada il contrario se lo violo e se spergiuro.»

Testo moderno

“Consapevole dell’importanza e della solennità dell’atto che compio e dell’impegno che assumo, giuro:di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento rifuggendo da ogni indebito condizionamento;
di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell’uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale;
di curare ogni paziente con eguale scrupolo e impegno, prescindendo da etnia, religione, nazionalità, condizione sociale e ideologia politica e promuovendo l’eliminazione di ogni forma di discriminazione in campo sanitario;
di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di una persona;
di astenermi da ogni accanimento diagnostico e terapeutico;
di promuovere l’alleanza terapeutica con il paziente fondata sulla fiducia e sulla reciproca informazione, nel rispetto e condivisione dei principi a cui si ispira l’arte medica;
di attenermi nella mia attività ai principi etici della solidarietà umana contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze;
di mettere le mie conoscenze a disposizione del progresso della medicina;
di affidare la mia reputazione professionale esclusivamente alla mia competenza e alle mie doti morali;
di evitare, anche al di fuori dell’esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il decoro e la dignità della professione;
di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni;
di rispettare e facilitare il diritto alla libera scelta del medico;
di prestare assistenza d’urgenza a chi ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità, a disposizione dell’autorità competente;
di osservare il segreto professionale e di tutelare la riservatezza su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell’esercizio della mia professione o in ragione del mio stato;
di prestare, in scienza e coscienza, la mia opera, con diligenza, perizia e prudenza e secondo equità, osservando le norme deontologiche che regolano l’esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione”.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Roma – Giuramento d’Ippocrate per 600 giovani medici del Lazio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien