Enel Civitavecchia, domani i metalmeccanici incrociano le braccia per otto ore

L’assemblea della Fiom Cgil e della Uilm-Uil ha votato all’unanimità per lo stato d’agitazione dei lavoratori. Venerdì presidio davanti ai cancelli di Torre Valdaliga e altre 8 ore di sciopero. Nel documento assembleare chiesto un incontro con il Governo e Regione

CIVITAVECCHIA – Si è conclusa l’assemblea dei lavoratori e le società sub appaltanti dei metalmeccanici di Torre Valdaliga Nord convocata dalla Fiom Cgil.

Le parole dei vertici dell’Enel non hanno convinto, non convincono i lavoratori. Sarà scontro su tutti i fronti. Si comincia domani con lo sciopero indetto di 8 ore dei lavoratori del comparto metalmeccanico.

La conversione della centrale, oggi alimentata a carbone e in un prossimo quanto indefinibile futuro a gas ha molti lati oscuri.

Le ditte, di fatto, hanno già iniziato a mettere in mobilità il personale ma, a breve, inizieranno i licenziamenti. Sono a rischio duemila posti di lavoro e la chiusura, se non il fallimento, di storiche imprese cittadine.

Un braccio di ferro che porta alla luce tutte le criticità già denunciate dal sindaco appena insediato Ernesto Tedesco.

 

sciopero-fiom-uilm-25-28giugno

 

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Enel Civitavecchia, domani i metalmeccanici incrociano le braccia per otto ore"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien