Sanitopoli, Carbonari (M5S): «Sistema assunzioni. Fare luce su ‘Umbria Salute’ e agenzie interinali»

La consigliera regionale pentastellata annuncia la presentazione di un’interrogazione

Riceviamo e pubblichiamo – I giornali di oggi titolano in merito allo scandalo Sanitopoli: “Dalla presidente Marini ho avuto una segnalazione, anche da Barberini. Un elenco di persone da avvantaggiare”.

 

Le sconvolgenti dichiarazioni riportate sarebbero dell’ex direttore generale Duca, il quale avrebbe dichiarato ai PM anche che “la segnalazione veniva fatta a Umbria Salute che trasmetteva le sue richieste all’agenzia interinale. Credo che a quest’ultima venisse richiesto di favorire determinate persone”.

 

Ho sempre espresso pubblicamente la mia diffidenza verso l’utilizzo di lavoro interinale nel settore pubblico, sia perché favorisce il precariato, sia perché consente, di fatto, di aggirare i concorsi pubblici.

Tali dichiarazioni sembrerebbero confermare i miei timori anche in merito a Umbria Salute, una società il cui ruolo mi è sempre parso poco definito e la Giunta continuamente modifica.

Depositerò immediatamente una interrogazione in merito all’utilizzo di personale interinale da parte di aziende sanitarie e partecipate regionali. Il ruolo di Umbria Salute andrà poi chiarito e approfondito.

Al di là degli eventuali profili penali della vicenda, che mi auguro la Magistratura approfondisca al più presto, ritengo che l’utilizzo di personale interinale da parte degli enti pubblici sia economicamente e moralmente sbagliato.

Queste persone lavorano spesso per anni da precari all’interno di enti pubblici, svolgendo le stesse mansioni dei loro colleghi stabilizzati. Non vi sono concorsi pubblici meritocratici, ma soltanto una selezione fatta dalla agenzia interinale privata, rendendo così particolarmente facile inserire chi si vuole. Economicamente il lavoratore costerebbe di più all’ente pubblico, che dovrà pagare anche l’agenzia interinale.

Non sarebbe allora più logico indire concorsi e assumere stabilmente queste persone in modo che diventino risorse per gli enti?
Forse, politicamente, si preferisce lasciare sempre queste persone nel “limbo” della precarietà, una elezione politica dopo l’altra, con il miraggio di una stabilizzazione che per molti non arriva mai?

Chi ha un lavoro stabile a tempo indeterminato è libero di votare o non votare chi vuole, rispetto a chi magari vive con il fiato sospeso da un rinnovo all’altro.

Quindi si assuma personale a tempo indeterminato utilizzando immediatamente le graduatorie esistenti e poi si indicano nuovi concorsi, con regole nuove e sanzioni durissime per chi trasgredisce.

La Sanità pubblica è in pericolo. Se non si pone un freno alle esternalizzazioni selvagge dei servizi ai privati e al precariato dilagante, nulla cambierà veramente e tra poco potrebbe esserci un’altra “Sanitopoli”, magari con altri colori politici.

 

Maria Grazia Carbonari, consigliere regionale – M5S Umbria

 

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Sanitopoli, Carbonari (M5S): «Sistema assunzioni. Fare luce su ‘Umbria Salute’ e agenzie interinali»"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien