Tarquinia e Cerveteri musei nazionali etruschi

IL DECRETO.  Entra in vigore domani la riorganizzazione decisa dal Mibac con provvedimento firmato a giugno dal ministro  Alberto Bonisoli. Elevati a seconda fascia, sono dotati di autonomia speciale: non solo scientifica ma anche gestionale

TARQUINIA – Entra in vigore domani, 22 agosto, il decreto ministeriale di attuazione della riorganizzazione interna del Mibac siglato dal ministro per i Beni e le Attività culturali Alberto Bonisoli.

La riorganizzazione, decisa con un decreto approvato lo scorso 19 giugno dal Consiglio dei Ministri e passato al vaglio della Corte dei Conti,  contiene disposizioni sull’organizzazione e funzionamento dei Musei statali introducendo le Direzioni territoriali delle reti museali al posto dei Poli museali regionali.

Sono 10 e così ripartite: Direzione territoriale delle reti museali del Piemonte e della Liguria, di Lombardia e Veneto, dell’Emilia Romagna, della Toscana, del Lazio, di Abruzzo e Molise, della Campania, della Puglia e Basilicata, della Calabria e della Sardegna.

Istituisce due Musei nazionali, quello dell’Umbria e quello delle Marche, al posto della Galleria Nazionale dell’Umbria e dell’omologo sito delle Marche, all’interno dei quali transitano i musei non autonomi afferenti agli ex Poli museali di Umbria e Marche.

E ancora, nascono i Musei Nazionali Etruschi con sede a Villa Giulia, che ricomprendono i musei etruschi e archeologici nazionali di Chiusi, Rocca Albornoz, Tarquinia, Tuscania, Cerite – Cerveteri, e le necropoli etrusche site nel Lazio (Banditaccia – Cerveteri e Monterozzi-Tarquinia) e in Toscana (Poggio Renzo – Chiusi, Tomba della scimmia – Chiusi).

Il decreto, nel definire l’istituto di rilevante interesse nazionale, eleva i Musei Nazionali Etruschi a museo di seconda fascia, dotandoli, dunque, di autonomia speciale: non solo scientifica ma anche gestionale. Il provvedimento firmato da Bonisoli istituisce anche il parco del Castello di Miramare a Trieste – di cui fanno parte i musei inseriti nel polo museale del Friuli Venezia Giulia, stabilisce il passaggio della Galleria “Giorgio Franchetti” alla Ca’d’oro di Venezia alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, così come quello della Galleria dell’Accademia di Firenze e del Museo San Marco di Firenze agli Uffizi. A Milano, infine, il Cenacolo Vinciano passa alla Pinacoteca di Brera.​

Per Tarquinia e Cerveteri un traguardo importante che consentirà di accendere ancora di più i riflettori sul territorio.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Tarquinia e Cerveteri musei nazionali etruschi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien