Professore dell’Unitus scopre il pino più antico d’Europa. Oggi opera d’arte

Potrebbe diventare l’emblema della lotta alla deforestazione 

 

Cosenza – Fu scoperto nel giugno del 2016 al professor Gianluca Piovesan, ordinario di pianificazione e gestione del territorio forestale presso il dipartimento DAFNE dell’Università della Tuscia, e dal professor Alfredo Di Filippo dello stesso Dipartimento. Ora il pino più antico d’Europa è diventato un’opera d’arte. L’albero si trova nel Parco del Pollino, risale a 1230 anni fa e fu scoperto nell’ambito di un progetto finanziato dallo stesso Parco. Una pittrice torinese, Mary Rigo, è stata talmente affascinata dalla scoperta e dal vetusto pino che lo ha fatto diventare un’opera d’arte (foto sopra). L’artista lo scorso settembre ha partecipato a una residenza d’artista a Cosenza e dopo aver individuato il pino loricato ne ha ricavato un’opera d’arte collocando la sua fotografia, scattata proprio dal professor Piovesan, in un contesto pittorico. L’opera , 2 metri per 1 metro e 35 si trova ora nel Bocs Art Museum di Cosenza. Come ha dichiarato la stessa Mary Rigo il pino potrebbe diventare il simbolo della battaglia per la protezione delle foreste.

Share Button

COMMENTA PER PRIMO SU "Professore dell’Unitus scopre il pino più antico d’Europa. Oggi opera d’arte"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrá pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien